La magia dell’olio di Iperico

Sin dai tempi più antichi la pianta di iperico è stata considerata “magica”,  veniva intrecciata come ghirlanda durante i falo’ propiziatori o bruciata nei bracieri per restituire al mittente il male lanciato ( Maledizione, malocchio, fatture, invidia, gelosie di ogni genere) .

Appendere dell’iperico secco dietro la porta tiene lontano le sventure di ogni genere
Il suo olio preparato e consacrato la vigilia della notte di  San Giovanni è in assoluto il rimedio migliore per annullare avversità e malefici.
Sulle candele potenzia i rituali di allontanamento.
Ungersi dietro le orecchie,i polsi e le caviglie protegge formando una barriera impenetranile.
Ungersi il terzo occhio prima di andare a dormire mostra chi ci vuole del male.
L’olio è un ottimo cicatrizzante perché ricco di vitamina C, messo sulle ferite le cicatrizza in breve tempo senza formare i cheloidi
Messo sulle scottature agisce come lenitivo attenuando il dolore.
Usato sulle emorroidi ha un effetto vasocostrittore e allevia nell’immediato il dolore .

Come si prepara l’olio di iperico?

Raccogli (possibilmente la notte del solstizio) una manciata abbondante di fiori di iperico e sciacquali dolcemente con l’acqua ( meglio se piovana o distillata) e poi asciugali dolcemente.
Falli macerare in circa 100 gr di olio d’oliva (i fiori devono essere completamente ricoperti dall’olio per non marcire) in un vasetto con il coperchio.
Prendi il tuo vasetto e lascialo al sole per 10 giorni, ruotandolo spesso  affinché i raggi solari filtrino ovunque.
Tieni conto che per 1 litro d’olio, bisogna lasciare l’olio al sole almeno 30 giorni.
Durante la notte ritira il vasetto in casa  affinchè non riceva i raggi della lua.
Col passare dei giorni olio diventerà rosso, il colore che rilascia il fiore.
Una volta terminata la macerazione, filtra il tutto per togliere le impurità e conserva il vasetto in un luogo asciutto e fresco.

[amazon_link asins=’B074J99PDY,B079TYW9SH,B01D6PRHOW,B07B63L3DD’ template=’ProductCarousel’ store=’poeinver-21′ marketplace=’IT’ link_id=’6c29fce8-8a47-4485-b43c-2243a3316819′]

Visite 5,846 

Potrebbero interessarti anche...

Ciao, ti va di commentare questo articolo?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.