Piante e magia-ACONITO

[amazon_textlink asin=’B07M934652′ text=’Aconito’ template=’ProductLink’ store=’Labirintomagico_21′ marketplace=’IT’ link_id=’6c2c7a77-f915-4642-8d6e-f702d176ce22′] -uso erboristico: (pianta tossica) l’aconito é una bellissima pianta dai fiori blu color del cielo più limpido.  È anche una delle piante più tossiche della flora montana italiana.

Il potente veleno, contenuto in maggior quantità nelle radici, era già noto ed usato dalle antiche popolazioni Cinesi e Indiane. Altrettanto facevano in tutta Asia, Europa e Nord America.

L’aconitina in effetti è un alcaloide molto tossico (dose letale nell’uomo 3-6 mg, per cui 3-4 g di tubero fresco sono sufficienti ad uccidere un uomo), talmente pericoloso da rendere la pianta inutilizzabile.

E importante sapere che in tutte le sue parti (tubero e parti erbacee), l’aconito contiene alcaloidi policiclici tossici per il Sistema nervoso centrale, in particolare aconitina, in grado di provocare vertigini, parestesie, ipotermia, aritmie e turbe del respiro

Con le dovute accortezze può essere anche coltivato in giardino per scopi ornamentali e in omeopatia può essere usato per la cura di ipertensione e ansia.

Alla dose tossica in pochi minuti si hanno nausea e vomito, seguiti da paralisi respiratoria e cardiaca.

Essendo una pianta velenosa, si  raccomanda l’uso di guanti per toccare fiori e foglie. Il contatto dermico potrebbe provocare prurito, disturbi sensoriali fino ad arrivare a possibili disturbi motori.

Nel linguaggio dei fiori proprio per la sua alta tossicità simboleggia la vendetta e l’amore colpevole.

 

Aconito – uso magico:L’uso magico riguarda talismani, in sacchettini (unita ad aglio, agrifoglio, alloro, aloe)   e amuleti per la protezione attiva in caso di pericoli .

Usare questa pianta con parsimonia e solo se il pericolo è davvero grave. Non portare sulla mai a contatto della pelle.

NON usare questa pianta per unguenti, oli, bagni, polveri e incensi.

ln passato succo della pianta serviva ad intingere e rendere mortali frecce, lance, spade e pugnali per affrontare le battaglie con i nemici.

Le streghe e i maghi si mettevano intorno al collo una pelle di serpente in cui avevano introdotto segatura di radici di aconito per diventare immediatamente invisibili.
Nell’antica Grecia era usato come veleno giudiziario.

Visite 3,306 

Potrebbero interessarti anche...

Ciao, ti va di commentare questo articolo?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.