L’Arcangelo Raffaele

L’angelo, cosi’ come il demone, e’ puro spirito, immateriale. Ogni angelo ha delle doti e conoscenze speciali e determinate, assegnate tramite il grado e la gerarchia alla quale appartiene, cosi’ come differiscono a seconda dei compiti che devono svolgere.

Come si può facilmente desumere, la loro conoscenza e’ decisamente maggiore di quella umana.
Nel loro nome è racchiusa la loro missione, il loro compito. Nel regno celeste ci sono molti Arcangeli ma solo alcuni di loro sono legati, da un legame più profondo, al destino del pianeta e del genere umano

  • Gli Arcangeli

Ambasciatori di Dio presso gli uomini. Spiriti zelanti ed obbedienti, delegano alcune missioni ed istruiscono gli angeli semplici.
Gli Arcangeli piu’ noti sono Gabriele, Raffaele e Michele, con l’aggiunta di Uriel in alcuni testi.
Proteggono tutti gli uomini tramite gli angeli semplici, ma volgono particolare attenzione agli operatori dello Spirito Santo.

L’Arcangelo Raffaele è, nella tradizione biblica, uno degli Arcangeli che sono alla presenza di Dio e ne cantano incessantemente le lodi.
Il nome Raffaele (in ebraico רפאל) vuol dire “medicina di Dio” o “Dio guarisce” e si contrappone al significato del nome del diavolo Asmodeo: “colui che fa perire”.
È l’angelo dell’amore sponsale e della salute. È, nella chiesa cattolica, come in quella ortodossa, il patrono di giovani, fidanzati, sposi, farmacisti, educatori, viandanti e profughi. Nell’iconografia cristiana i suoi simboli sono il pesce e il vaso dei medicamenti.

Raffaele  significa “rimedio di Dio”, il guaritore della terra, delle malattie del corpo, della mente e dello spirito.

Rappresentato da un angelo con due ali bianche immacolate e una veste grigia; in mano ha un Pisside, con l’altra tiene un giovane che a sua volta tiene in mano un grosso pesce .

E’ Uno dei 7 angeli, chiamati anche i “Sette Occhi del Signore”, i “Sette Troni”, le “Sette Luci Ardenti”, i “7 Reggitori del Mondo”, anticamente menzionati nei messali della Chiesa Cattolica e poi cancellati. Erano identificati con i 7 pianeti.

Secondo la Cabala: in Briah (mondo creativo) Arcangelo Principe del Fulgore, della Bellezza e della Vita; Sephirah: 6 Tiphareth, Sole; il Nome del suo Ordine di Angeli è Melechim o Malakim, Re o Re Angelici, chiamati anche Virtù, Angeli e Sovrani

Dominio: Mercurio. In astrologia onomantica esoterica: spirito turbolento; governa il numero 5, tutte le meteore, cannella, noce moscata, cedro, alloro, semi e cortecce, funzioni cerebrali, scienza, fortuna in affari e al gioco (coadiuvato da Michael e Anael).

Nella magia evocativa governa: mercoledì, marrone/viola, salute, affari, commercio, eloquenza.

Nella Cabala: angelo planetario di Mercurio o Kokab

Nell’Islam

A differenza di Jibrāʾīl (Gabriele) e Mīkaʾīl (Michele), il suo nome non compare nel Corano ed è tutt’altro certo che Israfil (che forse recepisce l’ebraico Serāfīm) sia l’adattamento arabo-islamico di Raffaele. Tuttavia nella letteratura religiosa il suo nome compare come angelo della divina guarigione.

Visite 666 

Potrebbero interessarti anche...

Ciao, ti va di commentare questo articolo?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.